BLOG

La bellezza

 


La bellezza

 

  

Sono sempre più convinta che la bellezza salverà il mondo....
Un uomo si mise a sedere in una stazione della metro a Washington D.C. e iniziò a suonare il violino. Era un freddo mattino di gennaio. Suonò sei pezzi di Bach per circa quarantacinque minuti.
Durante questo tempo, poiché era l'ora di punta, era stato calcolato che migliaia di persone sarebbero passate per la stazione, molte delle quali sulla strada per andare al lavoro.
Passarono tre minuti e un uomo di mezz'età notò che c'era un musicista che suonava. Rallentò il passo e si fermò per alcuni secondi, poi si affrettò per non essere in ritardo sulla tabella di marcia.
Alcuni minuti dopo, il violinista ricevette il primo dollaro di mancia: una donna tirò il denaro nella cassettina e senza neanche fermarsi continuò a camminare.
Pochi minuti più tardi, qualcuno si appoggiò al muro per ascoltarlo, ma l'uomo guardò l'orologio e ricominciò a camminare. Quello che prestò maggior attenzione fu un bambino di tre anni.
Sua madre lo tirava, ma il ragazzino si fermò a guardare il violinista.
Finalmente la madre lo strattonò con decisione e il bambino continuò a camminare girando la testa per tutto il tempo. Questo comportamento fu ripetuto da diversi altri bambini.
Tutti i genitori, senza eccezione, li forzarono a muoversi.
Nei quarantacinque minuti in cui il musicista suonò, solo sei persone si fermarono e rimasero un momento.
Circa venti gli diedero dei soldi, ma continuarono a camminare normalmente. Raccolse 32 dollari. Quando finì di suonare e tornò il silenzio, nessuno se ne accorse. Nessuno applaudì, né ci fu alcun riconoscimento.
Nessuno lo sapeva ma il violinista era Joshua Bell, uno dei più grandi musicisti al mondo.
Suonò uno dei pezzi più complessi mai scritti, con un violino del valore di 3,5 milioni di dollari.
Due giorni prima che suonasse nella metro, Joshua Bell fece il tutto esaurito alla Simphony Hall di Boston e i posti in platea costavano una media di 100 dollari.
Questa è una storia vera.
L'esecuzione di Joshua Bell in incognito nella stazione della metro fu organizzata dal quotidiano Washington Post come parte di un esperimento sociale sulla percezione, il gusto e le priorità delle persone. La domanda era: in un ambiente comune, a un'ora inappropriata, percepiamo la bellezza? Ci fermiamo ad apprezzarla? Riconosciamo il talento in un contesto inaspettato?
Ma la vera domanda su cui riflettere è: se non abbiamo un momento per fermarci e ascoltare uno dei migliori musicisti al mondo suonare la miglior musica mai scritta, quante altre cose ci stiamo perdendo?

Il vaccino

 


Il vaccino

   

 

IL VACCINO SIA LUCE DI SPERANZA PER TUTTI

Oggi, in questo tempo di oscurità e incertezze per la pandemia, appaiono diverse luci di speranza, come le scoperte dei vaccini” ha detto Papa Francesco prima della benedizione Urbi et Orbi nel giorno di Natale. Ma perché queste luci possano illuminare e portare speranza al mondo intero, devono stare a disposizione di tutti. Non possiamo lasciare che i nazionalismi chiusi ci impediscano di vivere come la vera famiglia umana che siamo. Non possiamo neanche lasciare che il virus dell’individualismo radicale vinca noi e ci renda indifferenti alla sofferenza di altri fratelli e sorelle. Non posso mettere me stesso prima degli altri, mettendo le leggi del mercato e dei brevetti di invenzione sopra le leggi dell’amore e della salute dell’umanità. Chiedo a tutti: ai responsabili degli Stati, alle imprese, agli organismi internazionali, di promuovere la cooperazione e non la concorrenza, e di cercare una soluzione per tutti: vaccini per tutti, specialmente per i più vulnerabili e bisognosi di tutte le regioni del Pianeta. Al primo posto, i più vulnerabili e bisognosi! Di fronte a una sfida che non conosce confini, non si possono erigere barriere. Siamo tutti sulla stessa barca. Ogni persona è mio fratello. In ciascuno vedo riflesso il volto di Dio e in quanti soffrono scorgo il Signore che chiede il mio aiuto. Lo vedo nel malato, nel povero, nel disoccupato, nell’emarginato, nel migrante e nel rifugiato: tutti fratelli e sorelle!”

 

Pensieri

 


Pensieri e progetti

 

   

 

Siamo fortunati noi occidentali. La maggioranza di noi ha tutte le cose essenziali a portata di mano. E quello che ci manca lo possiamo comunque trovare agevolmente.
La crisi economica ha stretto nella sua morsa una larga fetta della popolazione, è vero. Ma è altrettanto vero che ci siamo un po’ abituati a piangere guardando i confini del nostro orticello.
Ci sono esempi di chi, usando intelligenza, creatività e ingegno, ha già saputo rialzarsi. Perché esiste la possibilità di farlo, nonostante tutto.
Invece la nostra Associazione mette il dito nelle piaghe della miseria. Dove i bambini muoiono come mosche nell’indifferenza del resto del mondo. Dove un euro al  giorno darebbe loro un pasto e una medicina e ci indigniamo della noncuranza con cui si liquidano le tragedie umane intorno a noi.
Fame, malattie, ignoranza, guerre, ingiustizie, rifugiati respinti, morte. Un lungo elenco.
Siamo un’Associazione giovane, nove anni appena. Ma formata da persone che credono da sempre nei valori della fratellanza e dell'onestà.
Non troverete mai da parte nostra un progetto o un sostegno nebuloso. Tutto documentato perché è così che deve essere. E i soldi delle spese generali molte volte ce li mettiamo noi soci fondatori perchè ogni centesimo deve andare a destinazione.
Non ci fermiamo per la pandemia in Italia. Qui, nella grande Milano, abbiamo fatto la nostra parte con un aiuto molto concreto alle suore che gestiscono una mensa per tutti quelli che ne hanno bisogno.
Ma siamo pieni di progetti per l’Etiopia. Con frate Aklilu e Antonio a seguire sul posto pensiamo al completamento dei  lavori alla scuola “Abba Pascal” di Dubbo e di Sura Koyo dove stiamo portando l’acqua. Sosteniamo poi a Soddo una casa famiglia per ragazze madri, una clinica a Humbo per l’assistenza materna e infantile.
E’ allo studio un altro progetto sanitario molto interessante di cui vi parleremo più avanti.
Con l’Eritrea e il nostro vescovo padre Thomas Osman siamo senza possibilità dopo che il  governo ha requisito scuole e ospedali. Ospedale, villaggio di tukul e sostegni ai bimbi denutriti a Mogolo e tanto altro con impegno. Speriamo che la popolazione possa continuare ad usufruire delle strutture.
Recentemente abbiamo conosciuto Eleonora. Una giovane di Verona che ha aperto una Casa Famiglia per bambini da 0 a 3 anni senza la mamma. Abbiamo già cominciato a sostenerla per l’acquisto di latte, pannolini, generi per l’igiene. Ora ha progetti molto interessanti per allargare gli spazi e la sosterremo nella costruzione di una stalla per gli animali che servono al mantenimento della Casa. Con 18 bambini da accudire Eleonora è molto positiva, preparata e non perde tempo in chiacchiere.
A proposito non vedrete mai nelle nostre comunicazioni le foto di bimbi denutriti perché la loro dignità va tutelata prima di tutto ma vi assicuriamo che straziano il cuore.
Siamo ambiziosi. Ebbene si, lo siamo. Forti del metterci sempre la faccia con la consapevolezza di fare le cose nel modo migliore possibile, con il vostro aiuto.
E’ in corso la campagna tesseramento ma naturalmente ogni tipo di donazione è gradita perché ogni goccia fa il mare.
Vi invitiamo, come sempre, a seguirci su facebook e sul sito www.ilsemedellasperanza.org
Vi ringraziamo. Come sempre.

I volontari de Il Seme della Speranza o.n.l.u.s.

Credere

 




Credere

   

 

 


La Emy ha  idee chiare e convinzioni ben radicate. Le professa senza timidezza.
Io credo alle previsioni meteo; se annunciano pioggia, non mi azzardo certo ad uscire senza ombrello”.
Credo a quel medico che mi ha sconsigliato tutte le altre medicine e proposto quelle nuove pillole che vengono dalla Svizzera e mi sento già meglio.
Credo all’oroscopo: mi fa un po’ ridere ma certo qualche cosa di vero è scritto nelle stelle.
Credo nel mio consulente finanziario che mi dà per sicure e redditizie queste obbligazioni di cui non capisco un gran che.
Credo a quello che scrive il giornale e che ha rivelato che delinquente sia quel tale che faceva il sindaco non so più dove.
Credo alle dichiarazioni di quell’attore tanto simpatico e affascinante quando dice che ha trovato finalmente pace da quando frequenta un santone venuto dall’Oriente.
Vieni - le dice l’amica - andiamo in Duomo per il Giubileo ed entriamo dalla porta della misericordia!
No, sai: io non sono credente”.

                      (da “Vocabolario della vita quotidiana” di Mario Delpini, Vescovo di Milano)

Chi c'è online

Abbiamo 26 visitatori e nessun utente online

Mappa Visitatori

Calendario Attività

Marzo 2021
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

Archivio Newsletter

Collaborano con noi

Piede_5.jpg

Questo sito utilizza cookie per rendere migliore la navigazione e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "PRIVACY e COOKIE POLICY". "PRIVACY e COOKIE POLICY"