BLOG

Blog l'umiltà

 

 


L'umiltà

 

 

 

Non si proclama l’umiltà.

Non esiste un atteggiamento umile perché l’umiltà è nel cuore e si legge solo dall’esempio con il proprio modo di vivere.

Non è segno di umiltà la postura del corpo: le spalle curve o il viso atteggiato.

E’ umile chi ascolta con pazienza. Chi non sbandiera le proprie difficoltà e le proprie tristezze.

E’ umile chi lascia parlare l’interlocutore senza intromettersi con i propri “anch’io”.

E’ umile chi si fa da parte senza storcere la bocca, per il bene comune, senza recriminare.

E’ umile chi si sacrifica in famiglia e nella società senza farlo pesare.

E’ umile chi non sbandiera i propri successi.

E’ umile chi non sbatte in faccia al prossimo la propria presunta bravura.

Non è umile il fariseo che pensa di avere la legge nel cuore perché ce l’ha scritta sui filatteri che gli penzolano davanti agli occhi.

E’ umile il pubblicano che chiede perdono perché tutti abbiamo tanto di cui chiedere perdono, sempre.

Sono umili i nostri Missionari: perché pur avendo un bagaglio incredibile di esperienza e di cultura si avvicinano a tutti e tendono la mano per chiedere aiuto.

Incoraggiamoci a vicenda ad essere umili.

Blog la leggenda della stella alpina

 


La leggenda della

    stella alpina

 

   

I volontari de "Il Seme della Speranza"

con questa leggenda

dedicata alla regina dei fiori di montagna, pianta nobile,

preziosa e simbolo di eterna bellezza,

augurano a tutti voi

BUONE VACANZE

Arrivederci a settembre!

 

 LA LEGGENDA DELLA STELLA ALPINA

Una volta, tanto tempo fa, una montagna malata di solitudine piangeva in silenzio.
Tutti la guardavano stupiti: i faggi, gli abeti, le querce, i rododendri e le pervinche.
Nessuna pianta però poteva fare qualcosa, poiché legata alla terra dalle radici.
Così neppure un fiore sarebbe potuto sbocciare tra le sue rocce.
Su dal cielo, se ne accorsero anche le stelle,
quando una notte le nuvole erano volate via per giocare a rimpiattino tra i rami dei pini più alti,
una di loro ebbe pietà di quel pianto e senza speranza scese guizzando dal cielo.

Scivolò tra le rocce e i crepacci della montagna, finché si posò stanca sull’orlo di un precipizio.
Brrr!!!… Faceva freddo…
Era stata proprio pazza per aver lasciato la serena tranquillità del cielo!
Il gelo l’avrebbe certamente uccisa…
Ma, la montagna corse ai ripari, grata per quella prova d’amicizia data col cuore.
Avvolse la stella con le sue mani di roccia in una morbida peluria bianca.
Quindi, la strinse legandola a sé con radici tenaci…
E quando l’alba spuntò, era nata la prima Stella Alpina

Blog il fango

 


Il fango

 

 

Per fango si intende comunemente una miscela composta da materiale solido finemente disperso e da una quantità relativamente piccola di liquido”.

Questa la definizione da wikipedia.

Non è piacevole il fango, é vischioso, si attacca, é faticoso da togliere. Occorre strofinare ben bene perché la pelle ritorni ad essere pulita. Eppure si usa anche in cosmesi, alle terme, per ridare bellezza e lucentezza alla nostra pelle.

Metaforicamente, nel nostro tempo presente ogni cosa serve per fomentare polemiche. Tonnellate di fango su tutto. Anche le migliori intenzioni passano al vaglio dei tuttologi che trinciano giudizi, con la certezza di essere nel giusto, senza pensare che valutazioni puramente personali non rispecchiano la verità e anzi, fanno male.

Guardare la pagliuzza nell’occhio del vicino senza vedere la trave nel proprio è più che mai attuale. E’ uno sport social, da leone da tastiera e da pettegoli di cortile.

Diamo una bella lucidata alla nostra coscienza, raschiamo il fango incrostato delle malevolenze gratuite. Togliendo la parte di “materiale solido” resterà solo il “liquido” che, scorrendo finalmente libero, ci ridarà  serenità e nuovo impulso per continuare le nostre strade.

Blog ora terza

 


Il vangelo nella discarica

 

 

Ci sono persone che quando si incontrano lasciano il segno. Persone che hanno una empatia, un coraggio, una carica umana rara che ci fanno interrogare anche sul senso della nostra vita.

Nella nostra attuale società dove tutto sembra perdere di valore morale per ridursi a mera questione di potere l'incontro con un uomo che ha lasciato tutto per dedicarsi anima e corpo agli ultimi fra gli ultimi dà speranza e una grandissima gioia.

Ci riferiamo a Daniele Moschetti. Un sacerdote missionario comboniano che dopo anni di volontariato in Mani Tese, nel 1988 lasciò il suo lavoro e la sua casa per cominciare un cammino di fede e di umanità tra i missionari comboniani. La sua vita si è spesa fino ad oggi soprattutto tra le più grandi baraccopoli di Nairobi, a Kibera e Korogocho. Dopo un periodo trascorso a Gerusalemme ora è in Italia in attesa di ripartire per il Sud Sudan, dove lo attende una  realtà altrettanto devastante.

L’incontro con il suo entusiasmo e la sua energia contaminante spronano a non avere paura di guardare la realtà per dare una mano ad abbattere le barriere dei pregiudizi e provare a realizzare il progetto di un mondo più equo.

Ho letto il suo libro “Il Vangelo nella discarica”. Lo consiglio a tutti perché come dice nella prefazione Gianluca Ferrara “credo che la letteratura abbia il compito fondamentale non solo di intrattenere il lettore, ma di denunciare ingiustizie, essere impulso al cambiamento. Libri come questo non serve leggerli se poi non si cambia, se non si muta il proprio stile di vita, se non si impara a rinunciare e a condividere. Questo libro ci insegna che la Chiesa non è solo quella monarchica che si rinchiude in palazzi lussuosi scrupolosamente attenta a bacchettare il comportamento sessuale degli uomini, ma è anche quella che si batte per la giustizia, che cammina con gli ultimi, gli stessi ultimi che Gesù frequentava”.

Concludo con le parole di Vittorio Andreoli (psichiatra e scrittore, non credente): “Ho letto questo libro e confesso che sono riuscito ad immaginare, come mai mi era capitato, Cristo. Cristo a Korogocho. Sono sicuro che là si sarebbe trovato bene, mentre avrebbe sofferto nei salotti del potere e della ricchezza. Avrebbe pianto più che nel Getsemani”.

Chi c'è online

Abbiamo 66 visitatori e nessun utente online

Mappa Visitatori

Calendario Attività

Settembre 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Siti amici

Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

Archivio Newsletter

Piede_4.jpg

Questo sito utilizza cookie per rendere migliore la navigazione e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "COOKIES POLICY". "COOKIES POLICY"