BLOG

Maria Regina Canale




Suor Maria Regina Canale

 

 

 

Nel suo messaggio per la 51esima Giornata Mondiale della Pace, celebrata in tutto il mondo il primo gennaio, papa Francesco ha indicato santa Francesca Saverio Cabrini tra coloro che hanno creduto nel “sogno” di un mondo in pace.

Molti nella storia hanno creduto in questo sogno e quanto hanno compiuto testimonia che non si tratta di una utopia irrealizzabile” ha scritto Bergoglio. E ricordando madre Cabrini scrive “Questa piccola grande donna, che consacrò la propria vita al servizio dei migranti, ci ha insegnato come possiamo accogliere, proteggere, promuovere e integrare questi nostri fratelli e sorelle”.

Noi del Seme della Speranza abbiamo il grande privilegio di conoscere una altrettanto grande donna: la nostra “sister” suor Maria Regina Canale. Al suo fianco abbiamo lavorato per anni in Missione in Etiopia. Attualmente è assistente generale per l’Europa della Congregazione.

A quante nostre serate ha regalato la sua presenza! Chi non ricorda la sua empatia e la sua simpatia contagiose?

Suor Maria Regina è entrata nelle Missionarie del Sacro Cuore quando non aveva ancora 17 anni. “Mi sento realizzata e felice”, confida. Laureata in Lettere, ha insegnato a Roma e si è occupata della formazione anche in Spagna. Ha conseguito alla Pontificia università Gregoriana il dottorato in teologia. Dalla fine del 1999 al 2014 è stata missionaria nel Sud dell’Etiopia.

Sister Maria Regina racconta come, con altre tre consorelle, abbia aperto una comunità come segno di solidarietà in uno dei Paesi più poveri del pianeta, proprio in Etiopia, a Dubbo. Tiziana ed Enrico che hanno svolto volontariato presso questa Missione, la indicano come esempio di organizzazione ed efficienza. Un vero gioiello.

Tanti sono i progetti di questa infaticabile missionaria: l’anno prossimo verrà aperta una nuova missione in Uganda e anche una Casa di accoglienza a Roma.

Noi amiamo la nostra suor Maria Regina per la sua semplicità, la sua generosità e disponibilità. Mai a corto di idee e di attenzioni. Sempre l’impegno per i deboli, i miseri quelli che hanno bisogno anche di amicizia e di vicinanza umana oltre che di sostentamento reale. Nel suo esempio non ci stancheremo di portare avanti i nostri progetti di sostegno fra i più poveri. Certi che sempre ci sosterrà con la sua forza.

Grazie Sister per il suo esempio. La aspettiamo presto, prestissimo, fra di noi a Bollate. Buon lavoro!

Natale Africa




Natale Africa

 


 

Vita e morte si fondono in te:
nel vociare gioioso dei tuoi bimbi, che si placa solo alla venuta del buio,
nella carcassa di un cane, abbandonata su un ciglio di una strada polverosa,
nelle tue donne forti e minute, piegate sotto sproporzionate fascine di legna,
 ricurve per l' avvinghiarsi dei loro piccoli coperti di stracci,
da cui buffi occhietti scrutano stupiti il mondo,
in un bimbo denutrito, in un vecchio moribondo,
in una capanna di foresta di cedri e falsi banani,
rifugio per donne, uomini e bimbi,
insieme ad asini, capre, mucche e polli,
a scaldarsi, in quel tepore che vince il freddo fuori,
ad esorcizzare il buio;
e' Natale tutti i giorni,
e tutto si fonde, si fondono la terra, gli uomini e gli animali,
in un canto all'unisono di vita, che arriva in cielo,
per la gioia di Dio, che sorride alla Terra ed agli uomini.
E poi' le luci scintillanti della citta',
gli addobbi natalizi,
l' immenso centro commerciale,
stridono con le case di cartone e di lamiere,
coi bambini di strada, nella notte, al buio ed al freddo,
sotto un incanto di stelle.
Contraddizioni sotto il tuo cielo,
di alba e di tramonto,
di vita e di morte,
di sole e di luna,
di ricchezza e di  poverta',
di gioia e di dolore,
la gioia di averti incontrata, amata e vissuta,
il dolore di lasciarti, in questo tramonto che mi strappa da te,
che sei essenza,
che sei mamma,
Africa!

(Giuseppe Luca Mantegazza)

Volontari




Natale a Salamanca

 


Mi concedo un’ora di pausa dallo studio pomeridiano e faccio due passi per strade di Salamanca. Il vento è gelido e si aggira pungente tra le strade del centro. Le luminarie colorate gettano luci allegre sui passanti che sbirciano le vetrine alla ricerca del regalo giusto per il Natale. Sotto un portone della Calle Zamora un ragazzo suona un violino scordato e il suo fedele cagnolino lo ammira accucciato sopra una coperta sudicia. La via è strapiena di gente, un fiume di berretti e sciarpe colorate. Tutti vanno di fretta, saltano da una vetrina all’altra. Una donna sta seduta ai piedi di un lampione con le mani tese, una ciotola sbeccata con pochi spiccioli e un cartello appoggiato a terra con una scritta illeggibile. Una ragazzo, bardato come un alpinista appena sceso dal K2, distribuisce pubblicità di uno dei mille bar della città. Una coppietta sta abbracciata su una panchina, sembra un innesto vivo su quel tronco gelido in attesa di vita calda. Con fatica esco dal fiume in piena delle compere natalizie e varco il portone di una delle bellissime chiese del centro. Mi chiudo la porta alle spalle e subito il silenzio, finalmente, viene a farmi visita. La chiesa è quasi buia e deserta, solo una signora anziana sgrana il rosario e bisbiglia le sue orazioni sotto voce. Qualche candela accesa agli altari laterali esalta la bellezza della pietra dorata di Villamayor, elemento essenziale delle costruzioni di Salamanca.

In una delle cappelle laterali è stato allestito il presepe. Bello, semplice, tradizionale. Mi siedo lì vicino e osservo i vari personaggi. Ognuno è intento nel suo lavoro: il panettiere, il pescivendolo, il pastore e molti altri. Trovo pure il mio personaggio preferito: il dormiglione. Una striscia sottile di farina traccia i sentieri di quell’angolo di Bethlemme e uno specchio ovale regala acqua luminosa alla memoria della nascita del piccolo Gesù. La grotta con Maria e Giuseppe è costruita in un angolo. Bella, ampia, ordinata. Gli angeli svolazzano felici e il cucciolo di Messia sorride sereno.

Forse la scena è dipinta con caratteri eccessivamente zuccherini, ma c’è un elemento che attira la mia attenzione: tranne Maria e Giuseppe nessuno dei presenti sulla scena è rivolto a Gesù. Ciascuno è preso dai suoi affari. Ciascuno è preoccupato delle sue cose. Forse il piccolo Gesù non aveva riccioli biondi e guanciotte paffute come nella ricostruzione salmanchina, ma di certo la sua nascita è avvenuta in questo contesto di totale indifferenza.

E forse, realmente, è così anche oggi. Ognuno corre per la sua strada, bada ai suoi affari, si lamenta per la crisi, sbuffa per la politica e per gli intrighi del potere, prepara il menù per le feste di Natale, spera di passare giornate di totale riposo, ricicla qualche regalo per i parenti…

E Lui è lì, in quella culla improvvisata in una mangiatoia.

Gesù nasce nell’indifferenza per fare la differenza.

Da quel giorno in cui Dio ha preso carne nella nostra carne, in cui l’eterno è entrato nel tempo, nulla è come prima. Da quella notte, in cui il primo vagito dell’Altissimo stretto tra le braccia esili e coraggiose di Maria ha riempito la stalla di Bethelemme, è iniziato un tempo nuovo. Il Suo primo respiro ha segnato il punto zero della nostra era. Lui fa la differenza. Ora non è più possibile non schierarsi. L’indifferenza è rifiuto.

O con Lui o contro di Lui. O sulla roccia o sulla sabbia. Non esistono misure di compromesso o scorciatoie. Quel bimbo infreddolito è la nostra dolce rovina: davanti alla sua culla, come davanti alla sua Croce, è ammesso solo il silenzio pieno della contemplazione. L’altro silenzio, quello abitato dall’indifferenza, è il rumore sordo e freddo del rifiuto, è il frastuono caotico che non ha permesso all’innominato ricco di accorgersi del povero Lazzaro.

E ancora, dopo duemila anni, il cucciolo di Messia rimane lì, in quella culla.

Rimane lì per tutti, perché tutti possano accoglierlo, dire sì, scoprire la bellezza gratuita di un amore che chiede solo di essere accolto, che chiede solo di poter amare.

Rimane lì per chi lo ha scelto con tutto il cuore e ha la sensazione di essere rimasto a mani vuote e ora si fa la stessa pungente domanda di Pietro: e noi cosa ne avremo? Ecco perché sei a mani vuote: per abbracciare quel bimbo.

Rimane lì per chi ha la sensazione di aver sbagliato tutto e non ha la forza di ricominciare, perché davanti a quella vita nuova e spumeggiante ricordi che la scintilla della vita di Dio abita la nostra umanità.

Rimane lì per chi si sente diverso, perché ricordi che questa è l’unica cosa che tutti abbiamo in comune e che il Figlio di Dio fatto uomo ha abbattuto ogni muro e ha insegnato a pregare un unico Padre che è “nostro”.

Rimane lì, immobile davanti alla nostra indifferenza, sperando che il soffio dello Spirito trovi uno spiraglio per scalzare le nostre immobilità e ci ribalti dai bastioni delle nostre paure.

Sento una mano che mi tocca la spalla.

“Tengo que cerrar” (Devo chiudere), mi dice un signore anziano sottovoce.

“Lo siento, ya me voy…” ("Mi dispiace, me ne vado...")

Lancio un ultimo sguardo alla mangiatoia...

Rimani lì, Signore.

(Don Roberto)

Volontari





Volontari - Chi ve lo fa fare?



 

 

"Oltre 7 milioni di italiani lavorano senza essere pagati. Il dato arriva dall’Istat, ma non denuncia situazioni di crisi o sfruttamento, piuttosto un fenomeno ben più positivo: il volontariato.

A livello sociale il volontariato è una risposta alle necessità nate in seguito alla crisi economica e alla presenza sempre più massiccia di stranieri nelle nostre città. L’azione dei volontari va a compensare le lacune del welfare pubblico e permette di soddisfare i bisogni di accoglienza, cura, assistenza di un numero sempre crescente di poveri, anziani, migranti.

Ma non solo. Questa attività risponde anche alle esigenze profonde di chi fa volontariato. Gli studi recenti individuano due motivazioni principali che spingono a compiere buone azioni. La prima è legata al bisogno di mettere in pratica gli ideali religiosi o civili in cui si crede. La seconda alla realizzazione personale, cioè alla possibilità di esprimere capacità e attitudini che non si riescono a realizzare altrove."

                                              (da Donna moderna - 8 novembre 2017)

 

Questo breve estratto dall’articolo della rivista ci da modo di approfondire  alcuni aspetti dell’attività della nostra Associazione.

Oltre ad interventi in Italia, là dove ci vengono segnalate situazioni di particolare disagio, ci occupiamo di gente lontana geograficamente dal nostro Paese. Gente che solo alcuni di noi incontreranno durante i campi di lavoro estivi presso le Missioni.

Eppure possiamo affermare con certezza di conoscere le loro necessità, le situazioni, la disperazione. Sappiamo del loro desiderio di potersi affrancare mediante l’istruzione. Della esigenza di  servire un pasto sostanzioso alle famiglie, di trovare le cure e l’assistenza sanitaria necessarie. Siamo costantemente informati dai nostri referenti che lavorano sui luoghi.

Non siamo visionari sterili. Spendiamo il nostro tempo e le nostre capacità nel reperire i fondi che ci permettono di realizzare sostegni e progetti. E lo facciamo tutto l’anno inventandoci i modi e le occasioni.

Il nostro bilancio annuale è la prova concreta e tangibile della serietà e della trasparenza che ci rendono orgogliosi.

Il nostro GRAZIE va a tutti voi che ci seguite con affetto e ci gratificate costantemente. Perché la passione con la quale lavoriamo è ben riposta, amici.

Le attività si intensificano in occasione del Santo Natale. Seguiteci. Noi tutti siamo a vostra disposizione. Potrete vedere sul sito o tramite i volontari le proposte di strenne. Interpellateci!

Vi aspettiamo con gioia alla serata del 13 dicembre all’Auditorium Don Bosco di Cascina del Sole. Una divertente commedia dialettale della Filodrammatica Bollatese seguita da una panettonata con bollicine per augurarci un sereno Natale.

A presto!

Chi c'è online

Abbiamo 61 visitatori e nessun utente online

Mappa Visitatori

Calendario Attività

Gennaio 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

Archivio Newsletter

Collaborano con noi

Piede_9.jpg

Questo sito utilizza cookie per rendere migliore la navigazione e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "COOKIES POLICY". "COOKIES POLICY"